GUIDO CERONETTI – Unima italia

Home  >>  Unima  >>  GUIDO CERONETTI – Unima italia

GUIDO CERONETTI – Unima italia

On Settembre 8, 2019, Posted by , In Unima, With Commenti disabilitati su GUIDO CERONETTI – Unima italia

E’ un poeta, filosofo, scrittore, giornalista e drammaturgo italiano. Uomo di erudizione e di sensibilità umanistica, ha cominciato nel 1945 a collaborare con vari giornali; la sua presenza sul quotidiano La Stampa ebbe inizio nel 1972 e continua tuttora. Nel 1970 ha dato vita al Teatro dei Sensibili allestendo, insieme alla moglie Erica Tedeschi, spettacoli itineranti con le sue “marionette ideofore”. Amico di Emil Cioran, quest’ultimo gli ha dedicato un capitolo di Esercizi di ammirazione pubblicato in Italia nel 1988. Nel 1981, all’uscita del primo libro tradotto in italiano di Emil Cioran (Squartamento), presso Adelphi, Ceronetti scrisse la prefazione definendo lo scrittore rumeno-francese “squartatore misericordioso”. Nel 1994 è stato aperto, nell’Archivio Prezzolini della Biblioteca cantonale di Lugano, il fondo Guido Ceronetti, da lui scherzosamente definito “il fondo senza fondo”. Esso raccoglie infatti un materiale ricchissimo e vario: opere edite e inedite, manoscritti, quaderni di poesie e traduzioni, lettere, appunti su svariate discipline, soggetti cinematografici e radiofonici. Vi si trovano, inoltre, numerosi disegni di artisti (anche per il Teatro dei Sensibili), opere grafiche dello stesso Ceronetti, collage e cartoline. Con queste ultime fu allestita, nel 2000, la mostra intitolata Dalla buca del tempo: la cartolina racconta. Di rilievo la sua attività di traduttore, sia dal latino (Marziale, Catullo, Giovenale, ecc.), sia dall’antico ebraico (tra cui Salmi, Qohèlet, Libro di Giobbe). Dal 2009 è beneficiario della legge Bacchelli in quanto cittadino che ha «illustrato la Patria». È noto per essere un acceso sostenitore del vegetarismo. Alcuni suoi articoli sull’immigrazione e il Meridione, pubblicati sul quotidiano La Stampa, sono stati tacciati di razzismo da diversi intellettuali italiani. Notevoli discussioni suscitò, altresì, un suo intervento, sempre su La Stampa, a difesa del capitano delle SS Erich Priebke

Nel 2012 è stato insignito del premio “Inquieto dell’anno” con cerimonia avvenuta il 2 giugno 2013 nell’auditorium di santa Caterina a Finale Ligure.

Comments are closed.