Statuto

STATUTO DELL’UNIMA ITALIA

APPROVATO DALL’ASSEMBLEA DI Campi Bisenzio il 29 aprile 2010

ARTICOLO 1

L’UNIMA – ITALIA è una Associazione che riunisce operatori e cultori dell’arte, della tecnica, della teoria e dello sviluppo del teatro di figura concorrendo a favorire con questa attività la pace e la mutua comprensione tra le genti, a prescindere da etnie, sesso, convinzioni politiche o religiose e condizione sociale. La denominazione ufficiale della Associazione è UNIMA ITALIA (Centro Nazionale della Associazione Internazionale dell’UNIMA / Union Internationale de la Marionnette).

ARTICOLO 2

L’Associazione ha sede legale presso il Presidente Nazionale o il  Segretario Nazionale.

ARTICOLO 3

L’Associazione non ha fini di lucro, ed ha lo scopo di:

  1. A) Conservare il patrimonio storico, culturale e materiale del Teatro di Figura Italiano e favorire le ricerche storiche, e scientifiche.

  2. B) Promuovere i contatti tra gli associati al fine di rendere possibile uno scambio delle loro esperienze e contribuire allo sviluppo ed all’approfondimento della teoria e della pratica del teatro di figura.

  3. C) Promuovere attività dirette all’accrescimento ed al miglioramento professionale, culturale ed artistico degli operatori del settore.

  4. D) Promuovere l’adesione all’UNIMA ITALIA di tutti i Gruppi di teatro di figura, di artisti, e di personalità della cultura che condividono gli scopi della Associazione e intendono collaborare con essa.

  5. E) Organizzare corsi, conferenze, seminari, laboratori collettivi, esposizioni, mostre, rassegne e festival nazionali ed internazionali. Accordare il Patrocinio Morale della Associazione secondo le modalità previste dal Regolamento Interno.

  6. F) Promuovere la collaborazione con Enti ed Associazioni pubbliche e private, italiane o di altri Paesi, al fine di raggiungere gli obbiettivi prefissati

  7. G) Produrre e distribuire, video, stampati e giornali al fine del raggiungimento degli scopi sociali.

  8. H) Promuovere il Teatro di Figura quale mezzo di educazione etica ed estetica e di riabilitazione terapeutica.

  9. I) Svolgere ogni altra attività connessa, affine ed integrativa agli scopi sopra indicati, nonché tutte le operazioni mobiliari, immobiliari e finanziarie necessarie alla realizzazione degli scopi sociali.

  10. L) Utilizzare tutte le leggi presenti e future concernenti la propria attività.

  11. M) Segnalare o sottoporre proposte alle istituzioni competenti.

ARTICOLO 4

Tutti coloro che hanno interesse per il Teatro di Figura, che siano di nazionalità italiana, o che siano residenti prevalentemente in Italia, possono essere membri  ordinari della Associazione, se non già aderenti ad uguale titolo ad altri Centri Nazionali UNIMA; Membri Onorari in ogni caso.  Il loro numero è illimitato e comprende:

  1. A) SOCI  ORDINARI

  2. B) SOCI  ONORARI

Sono SOCI  Ordinari quelle persone o gruppi interessate a collaborare in modo continuativo nell’Associazione per il conseguimento dei suoi fini istituzionali la cui domanda di ammissione verrà accettata dal Comitato Esecutivo e che verseranno all’atto dell’ammissione e poi entro il quindici gennaio di ogni anno successivo la quota che verrà ogni anno stabilita dal Comitato Esecutivo.

.Ogni socio ha diritto ad un voto.

Sono Soci  Onorari personalità o collettività che abbiano acquisito meriti particolari nel campo previsto dall’Articolo  .

L’Ammissione dei Membri Ordinari e di quelli Onorari, è stabilito da apposito Regolamento Interno.

La qualifica di Socio Ordinario comporta l’accettazione dello Statuto vigente, del Regolamento Interno e delle delibere validamente adottate dagli organi sociali.

La qualità di Socio si perde per decesso, dimissioni, morosità o esclusione:

Le procedure relative ai punti di cui sopra sono previste dal Regolamento Interno.

Tutti i Soci Ordinari dell’UNIMA ITALIA hanno diritto di:

  1. a) Partecipare personalmente a tutte la manifestazioni dell’Associazione.

  2. b) Presentare proposte all’Assemblea ed al Consiglio Direttivo.

  3. c) Votare, eleggere ed essere eletti a tutti i livelli della struttura organizzativa dell’UNIMA Italia e dell’UNIMA Internazionale.

I soci accettano il carattere di collaborazione gratuita per i servizi resi all’Associazione.

ARTICOLO 5

Il patrimonio della Associazione è costituito:

–  Dai contributi e dalle quote degli associati.

–  Contributi attribuiti a qualsiasi titolo dallo Stato, da Enti terriotriali o da altri Enti pubblici, nazionali, stranieri e dall’Unione Europea.

–  Ricavi dalle attività istituzionali, accessorie, strumentali e connesse

–  Donazioni, disposizioni testamentarie o da altri atti di liberalità comunque effettuati.

L’UNIMA / Italia, verserà annualmente la quota spettante all’UNIMA / Internazionale.

ARTICOLO 6

La struttura organizzativa della Associazione è articolata in:

Assemblea Generale –  Presidente Nazionale  – Segretario Nazionale – Consiglio Direttivo –  Commissione Internazionale –

Tutte le cariche durano quattro anni e sono rinnovabili.

ARTICOLO 7

L’Assemblea è costituito a tutti i Soci Ordinari  e Onorari in regola con le quote sociali. Ciascun Socio  ha diritto ad un voto. Ciascun Socio , impossibilitato ad intervenire al Congresso può delegare  un altro Socio che lo rappresenta. Ciascun socio può portare un solo voto delegato.

L’Assemblea si riunisce, di norma, ogni quattro anni, almeno sei mesi prima del Congresso Mondiale dell’UNIMA Internazionale.

Le modalità di convocazione dell’Assemblea sono stabilite dal Regolamento Interno.

E’ compito dell’Assemblea:

– Eleggere il Presidente Nazionale

– Indicare la linea programmatica sulla quale si dovrà muovere l’Associazione;

– Eleggere i membri del Consiglio direttivo.  Le modalità di sostituzione dei Membri del Consiglio Direttivo  dimissionari sono stabilite dal Regolamento Interno;

– Istituire Commissioni di studio o Lavoro;

– Eleggere i Consiglieri Internazionali nel numero indicato nel Regolamento Internazionale. I Consiglieri Internazionali rappresentano l’UNIMA Italia, in seno al Consiglio Internazionale. Le modalità di sostituzione dei Consiglieri Dimissionari sono stabilite dal Regolamento Interno;

– Approvare la relazione annuale del Segretario;

– Approvare il Bilancio annuale dell’Associazione;

– Approvare la relazione annuale da inviare all’UNIMA Internazionale;

– Nominare i Soci Onorari; L’Assemblea  elegge a maggioranza di due terzi, un Presidente Onorario, scelto tra quei soci che si sono particolarmente distinti nel campo del Teatro di Figura e nella salvaguardia dei principi della Associazione.

– Approvare le modifiche od aggiunte al presente Statuto (A tale scopo è richiesta una maggioranza di 2/3 degli aventi diritto);

Le modalità di convocazione e di svolgimento del l’Assemblea  sono stabilite dal Regolamento Interno.

Il verbale dell’assemblea deve restare a disposizione di soci che lo richiedano,mentre una sintesi con la pubblicazione delle delibere, sarà redatta in cartaceo ed in sito web.

ARTICOLO 8

I soci dell’UNIMA/Italia sono riuniti in Assemblea Generale Annuale. L’Assemblea Generale Annuale è il fulcro della vita Associativa dell’UNIMA Italia. L’Assemblea può essere tematica e contenere dibattiti, laboratori di formazione ed altre attività o servizi ai soci. E’ del resto competenza dell’Assemblea:

– Provvedere, mediante elezione, all’integrazione delle cariche istituzionali eventualmente decadute;

– Nominare commissioni di Studi e di Lavoro.

– Ratificare la costituzione delle Sezioni.

Le modalità di  convocazione e di svolgimento dell’Assemblea sono regolate dal Regolamento Interno.

ARTICOLO 9

Il Consiglio, dura in carica quattro anni, esso è il governo dell’UNIMA Italia. E’ costituito da un  minimo di 5 membri fino ad un massimo di 11 compreso il Segretario. Al consiglio partecipa con diritto di voto un rappresentante del Comitato Internazionale. Spetta al Consiglio:

– Curare il raggiungimento dei fini statutari;

– Nominare nel suo interno il Segretario Nazionale;

– Approvare il Regolamento Interno;

– Nominare o ratificare Commissioni Consultive di Studio o di Lavoro, aggregazioni territoriali o tematiche;

– Esaminare ed approvare il bilancio annuale da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea.

– Stabilire annualmente le quote sociali.

La validità delle riunioni è data in prima convocazione presenti i due terzi degli aventi diritto in seconda presenti la metà più uno..

ARTICOLO 10

Il Presidente rappresenta legalmente l’Associazione,  dirige l’attività del Consiglio Direttivo, cura gli affari correnti dell’Associazione. Ha la responsabilità della amministrazione finanziaria dell’Associazione, dei cui fondi è depositario. Ha inoltre la responsabilità delle convocazioni e della redazione dei verbali delle riunioni di sua competenza.

Nei casi urgenti può esercitare i poteri del Consiglio,  SE IMPOSSIBILITATO A CONSULTARE I CONSIGLIERI ALMENO VIA MAIL  salvo ratifica da parte di questo alla prima riunione. Il Presidente  ha facoltà di delegare i suoi poteri ad uno o più Consiglieri.

ARTICOLO 11

Tutte le controversie, SALVO I CASI IN CUI ESSE SONO DI COMPETENZA DEI TRIBUNALI DELLO STATO che dovessero sorgere tra gli Associati, tra loro o con gli Organi della Associazione, saranno definite da un Collegio arbitrale composto da tre Membri, nominati, uno da ciascuna parte in causa, il terzo dagli arbitri suddetti. In caso di disaccordo sulla nomina del terzo arbitro, questo sarà nominato dal Segretario Nazionale dell’UNIMA Italia.

ARTICOLO 12

Lo scioglimento della Associazione è deliberato dalla Associazione d’accordo i due terzi dei soci i quali provvederanno alla nomina di uno o più liquidatori e delibereranno in ordine alla devoluzione del patrimonio.